Joivy chiude il 2023 con un fatturato di 110 mln di euro

#Corporate
15/1/2024
Dati 2023

Joivy, la prima piattaforma nel panorama europeo a combinare soluzioni residenziali per short, medium e long term, con una vasta gamma di servizi per proprietari e investitori, chiude il 2023 registrando un Gross Booking Value di 160 milioni di euro e un fatturato di 110 milioni di euro, triplicato rispetto ai 40 milioni registrati nel 2021. La crescita è del 70% in Italia dal 2021 al 2023 e del 140% all'estero nello stesso periodo; includendo il contributo degli M&A lo sviluppo nel biennio negli altri paesi è stato di circa 36 milioni di euro. Il mercato della locazione ha mostrato in tutta Europa una forte espansione della domanda e dei canoni di locazione anche per via dell’incremento del costo dei mutui, così come anche la domanda di prodotti short term di qualità.

Il 2023 è stato particolarmente significativo per il Gruppo che ha recentemente annunciato la formale unificazione sotto il brand Joivy di DoveVivo, ALTIDO e Chez Nestor.

Joivy gestisce ad oggi un portafoglio di circa mezzo milione di metri quadrati in 50 città europee, con un valore complessivo stimato in circa 2 miliardi di euro. In Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Regno Unito gli asset spaziano da singoli appartamenti a interi building e studentati destinati a coliving, student housing, hospitality e presto anche a multifamily.

La piattaforma ha raggiunto un totale di circa 2.000 proprietari, tra privati e istituzionali, e ha ospitato circa 200.000 clienti nel corso del 2023, gestendo complessivamente 4.000 asset.

I piani per il 2024 sono ambiziosi, con il focus in Italia sulla nuova business unit, Joivy Investments, dedicata al supporto negli investimenti real estate, una forte spinta nel Regno Unito e in Portogallo sul comparto del coliving e l’ingresso della Francia nel mercato delle locazioni brevi grazie a partnership già avviate con numerosi proprietari.

Trend del living per il 2024

Guardando al mondo del living, in continua evoluzione, il Gruppo Joivy ha identificato i 5 trend chiave che vedremo nel settore nel 2024, in tutta Europa:

  • In Portogallo la nuova regolamentazione sulle soluzioni short term vedrà il mercato degli investimenti focalizzarsi maggiormente sul residenziale gestito da terzi e sulle locazioni di lungo periodo, esattamente come succederà verosimilmente in Scozia, dove l’ultimo quarter del 2023 ha visto entrare in vigore una normativa stringente sugli affitti brevi

  • A Londra ci si aspetta un boom del coliving e la prosecuzione del trend del mixed used già iniziato nel corso del 2023

  • Il Recovery Fund, con i 750 milioni di euro allocati dall’Unione Europea per incentivare la ripresa post-Covid, avrà probabilmente un impatto sul mondo dello student housing, a cui sarà destinata parte delle sovvenzioni

  • L’attenzione alla sostenibilità non è di certo un nuovo trend, ma è verosimile che anche per il 2024 questa tematica continuerà a guidare le agende. In tutti i Paesi le nuove normative sulla riqualificazione energetica, infatti, iniziano a farsi più stringenti. Prevedibile quindi un’ulteriore virata verso la rigenerazione urbana e gli interventi di miglioramento della qualità degli edifici con un ridotto consumo di suolo

  • Infine, la digitalizzazione e l’innovazione si confermano parole chiave: le piattaforme digitali e le tecnologie emergenti come la realtà virtuale, gli smart contract basati su blockchain e l'analisi dei dati su larga scala stanno rivoluzionando il settore, contribuendo a trasformare ed innovare le operazioni di ricerca, vendita, acquisto, contrattazione e gestione di asset.

Valerio Fonseca, CEO del Gruppo, dichiara “Il 2023 è stato per il Gruppo un anno incredibile che ci ha permesso di portare a termine le promesse che ci eravamo fatti nel 2021 quando, insieme all’entrata di Starwood come investitore, annunciavamo di voler evolvere il modello di business da coliving ad integrated living, integrare l’offerta di servizi ad alto valore aggiunto e rafforzare il piano di internazionalizzazione della società. La nostra realtà, mossa da oltre 450 persone in 6 Paesi, si conferma come un partner solido, in grado di affiancare investitori e proprietari nel frammentato mondo del real estate. Iniziamo il nuovo anno con l’obiettivo di fare ancora meglio e di espandere l’offerta e il portfolio gestito, con numeri sempre in crescita.”